Congelatore in blackout: ecco cosa fare

Congelatore in blackout: ecco cosa fare

La corretta conservazione domestica dei surgelati è importante per ottenere la massima resa dei prodotti alimentari: bisogna quindi fare attenzione che la temperatura del freezer sia regolata tra i -6° e i -18° C, in base alla data di scadenza o TMC riportati in confezione.

 

Ma cosa fare nel caso in cui venga a mancare l’energia elettrica?

 

Entro le 6 ore di interruzione di corrente il surgelato generalmente non subisce nessun deterioramento, ma è necessario che il freezer rimanga chiuso per tutto il tempo dell’arresto d’energia e nelle successive 12 ore, una volta ripreso il normale funzionamento. Dopo di che, bisognerà controllare che gli alimenti conservati non abbiamo subito alcun danno.

 

Se si tratta invece di blackout elettrici molto lunghi, si può provare a mantenere freddo il congelatore, per più tempo, con del ghiaccio secco. In questa circostanza, però, è molto probabile che gli alimenti conservati si siano del tutto scongelati, per cui vanno consumati nell’arco di 24 ore o – qualora presentino già segni di deterioramento – vanno buttati.

 

Anche in questo, Fidagel va in contro ai suoi consumatori… il motivo è presto detto! Le confezioni totalmente trasparenti garantiscono l’integrità del prodotto dal momento dell’acquisto fino alla preparazione. Ciò fa si che anche in caso di blackout il pesce di Fidagel resti ben visibile, e quindi facilmente riconoscibile se danneggiato o meno.